Guida Pratica alla Fattura Pro Forma

La fattura pro forma è un documento senza alcuna valenza fiscale, utilizzato quando si rende necessario presentare al cliente un facsimile della fattura finale senza incorrere negli obblighi fiscali e mantenendo la certezza che il documento non possa far insorgere, in caso di controlli, la presunzione di fatturazione, generando tutte le conseguenze per la mancata registrazione dello stesso.

La fattura pro forma non genera obblighi ai fine della liquidazione IVA e nemmeno ai fine della determinazione dei ricavi. Vediamo ora un paio di casi in cui è utile emettere fatture o parcelle pro forma.

Parcella pro forma per il Libero Professionista

I professionisti emettono quasi sempre parcella pro forma, in quanto hanno l’obbligo di fatturazione non all’esecuzione della prestazione ma solo al pagamento della stessa. Grazie alla pro forma possono presentare la loro parcella al cliente senza doversi accollare gli oneri del pagamento dell’IVA e della tassazione sui ricavi fino al pagamento della stessa. Facciamo un esempio per capire meglio: supponiamo che un geometra abbia fatto un progetto di una casa per un importo di €10.000 + IVA ed abbia completato il suo lavori il 5 Dicembre e che gli accordi con il committente prevedano un pagamento a 60 giorni fine mese dalla consegna lavori. Se il geometra fatturasse il 5 Dicembre si dovrebbe accollare l’IVA da pagare in Gennaio (€2.100) e la tassazione in carico all’anno in corso. Emettendo invece fattura pro forma ed attendendo il pagamento a fine febbraio dell’anno successivo ottiene due vantaggi:

  1. l’IVA verrà versata solo a Marzo dell’anno successivo
  2. La tassazione sul reddito andrà anch’essa in carico all’anno successivo.

In termini finanziari si tratta di un grande vantaggio offerto dalla normativa.

Fattura pro forma per pagamento anticipato

Un altro caso tipico di uso della fattura pro forma si verifica quando si deve spedire della merce ad un cliente che deve pagare con Bonifico Bancario anticipato. In questo caso si compila la fattura pro forma per dare al cliente la possibilità di controllare che i prezzi applicati ed il totale corrispondano perfettamente all’ordine effettuato ed avere un documento di appoggio per l’esecuzione del bonifico; alla spedizione la fattura sarà uguale alla pro forma presentata per il pagamento.

In questo modo l’azienda venditrice si tutela dalla possibilità che il cliente, non effettuando il pagamento, la costringa a stornare la fattura di vendita a mezzo Nota di Credito, aggravando in questo modo gli adempimenti contabili.

Ci sono ovviamente altri casi per l’uso della fattura pro forma, qui abbiamo elencato due dei più diffusi.

Compilazione della fattura pro forma

Tecnicamente la fattura pro forma è molto simile alla fattura che poi si andrà ad emettere al cliente. Di seguito ne vediamo un esempio realizzato col programma gestionale Amica 10 (notare nel riquadro tipo documento la dicitura “fattura pro forma”; assieme alla numerazione è questa l’unica vera differenza con la successiva fattura di vendita):

Fattura Pro Forma

Esempio di Fattura Pro Forma (click per ingrandire)

Al momento del pagamento da parte del cliente, o comunque al momento dell’emissione della fattura reale, il gestionale Amica rende l’operazione facile e veloce: è infatti sufficiente richiamare la fattura pro forma in una nuova fattura (ad esempio accompagnatoria) ed il gioco è fatto: la fattura definitiva è pronta senza dover rifare il lavoro. Nell’esempio vediamo quanto sia semplice il processo di importazione:

Importa Fattura Pro Forma nel Gestionale Amica

Al momento della fatturazione reale è sufficiente importare la fattura pro forma creata in precedenza (click per ingrandire)

Attenzione: Stefano Gardini sta completando la scrittura di Guida Pratica alle Fatture, ebook gratuito che include un capitolo dedicato all’argomento di questo articolo con approfondimenti, risposte alle domande frequenti e consigli pratici. Vuoi essere informato non appena sarà disponibile online? Clicca qui.

Guide Pratiche alla Fatturazione pubblicate

Consulta l’elenco completo delle nostre guide. Ricorda di iscriverti alla Newsletter per non farti sfuggire i nostri prossimi articoli!

Gestionale Amica Il Software di Contabilità Facile

123 pensieri su “Guida Pratica alla Fattura Pro Forma

  1. Pingback: Anonimo

  2. Pingback: Anonimo

  3. A seguito di un preventivo il cliente ci ha chiesto la fattura pro forma per effettuare il pagamento a ½ bonifico bancario.
    Poiché la merce devo ordinarla, posso emettere comunque la fattura?

    • La fattura proforma sì, poichè non ha implicazioni fiscali nemmeno a livello di magazzino. La fattura reale poi verrà emessa solo quando la merce sarà disponibile. E’ buona prassi per non avere un incasso anticipato rispetto all’emissione della fattura autorizzare il bonifico del cliente solo quando la merce è già disponibile. Diversamente se il cliente ti paga prima dovrai emettere una fattura di acconto che chiuderai poi con la fattura che contiene la merce.

  4. Invio un estratto di un artcolo trovato online.
    Cosa ne pensate?
    “Trova la sua disciplina nell’art. 21 del DPR 633/72. Può assumere la forma di nota, parcella o simili: la natura di “fattura” nasce dal suo contenuto e non dalla denominazione ad essa attribuita: in particolare se il contribuente emette un “avviso di parcella” o “fattura pro-forma” avente tutte le caratteristiche della fattura (e quindi anche la indicazione dell’Iva) questo documento dovrà essere trattato come una normale fattura, con conseguente obbligo di registrazione e versamento dell’imposta (C. T. C. 12 maggio 1990, n. 3592).”

    • In effetti ci sono casi (estremi e con una giurisprudenza minima) in cui ad una fattura proforma viene attribuito il valore di fattura reale. Ora in generale, poichè è anche prassi ormai consolidata l’utilizzo della fattura proforma, l’amministrazione non ricorre nel merito. Di solito questo succede quando il cliente registra la fattura proforma portandola in detrazione mentre il professionista (o chi per lui) nono mette il ricavo a reddito e non versa l’IVA conseguente: ovviamente in questo caso l’amministrazione subisce un danno e, se la fattura proforma era tale da trarre in ‘inganno’ il cliente, può essere fatta valere la sostanza rispetto alla forma. Questo di norma non succede. Alcuni accorgimenti che possono aiutare ad evitare che il cliente cada in errore sono: non mettere numero progressivo e/o data (elementi obbligatori nella fattura), inserire nella fattura ben visibile la dicitura: “La fattura verrà emessa all’atto della riscossione, ai sensi dell’art.
      6 del D.P.R. 633 del 26/10/1972.”, non esporre l’IVA esplicitamente utilizzando una dicitura del tipo “oltre ad IVA e Ritenuta di Acconto per un netto a pagare di ….”. Questi sono alcuni suggerimenti per rendere qualsiasi eventuale (e ribadisco eventuale e rara) azione inefficace.

  5. A seguito di gara d’appalto che prevede la fornitura di merci ad Ente Territoriale, viene richiesta la parziale fatturazione anticipata per circa € 50/m.
    Al momento le merci consegnate corrispondono sostanzialmente a quanto si andrà a fatturare.
    Avvalendomi dell’art. 6 DPR 633 comma 2 lettera a), non avendo certezza di quando riscuoterò l’importo posso:
    – emettere FATTURA PRO FORMA (senza effettuare contabilizzazione né ai fini IVA e nemmeno a partita doppia)
    – oppure debbo emettere FATTURA SOSPESA (evitando il versamento dell’IVA, registrando però i ricavi).??

    L’azienda svolge attività di commercio al dettaglio e le poche fatture di vendita vengono riportate nel registro corrispettivi, non dispone del registro delle fatture sospese in quanto mai emesse.
    Come mi debbo regolare??

    • Dubito che un Ente Pubblico si ‘accontenti’ di una fattura proforma, anzi direi proprio che non la dovrebbe tenere in conto in quanto non è un documento ‘ufficiale’ per cui in quanto tale utilizzabile tra privati ma non con gli Enti. Penso che l’unica via sia la fattura con annotazione della sospensione IVA se la tua azienda rientra nei parametri previsti per poterlo fare. Ti metto di seguito un link ad una circolare che potrebbe esserti di aiuto Circolare 20/E del 30 Aprile 2011

  6. Leggo ora e ringrazio del cortese ineteressamento.
    Ho copiata la lunga circolare indicata (è la n. 20 del 30 aprile 2009, se leggo bene).
    Ritornerò in argomento dopo la lettura.

  7. Letta attentamenta la circolare che fa chiarezza in tema di iva ad esigibilità immediata ed esigibilità differita …. non è attinente al caso.
    La stessa circolare riporta nell’ultimo paragrafo la specifica che la normativa previgente al 2009 in materia di fatturazione agli Enti resta invarita.
    Aggiornerò in seguito gli sviluppi.

  8. Un tecnico CTU a emesso la fattura per il suo compenso, ha inseiro il suo codice fiscale e la partita IVA, mentre ha inserito solo il nome del condominio ma senza inserire il codice fiscale del condominio, la fattura è valida?

    • La fattura tecnicamente è valida in quanto nella normativa il codice fiscale non è obbligatorio. Certo che, a causa dei molti adempimenti (vedi Spesometro) che richiedono Partita IVA o Codice Fiscale dei clienti è buona norma esserne in possesso e quindi viene quasi automatico riportarlo sulle fatture per una più precisa identificazione del cliente. In ogni caso questa mancanza non inficia la validità del documento ai fini fiscali e civilistici.

  9. Siamo una societá di servizi pubblicitari immobiliari vorremmo fare le fatture proforma per ovviare di anticipare il pagamento IVA visti i giorni di pagamento oltre 90. La maggior parte dei clienti paga con rid o riba è possibile obbligare il cliente a questa forma di pagamento anche con le proforma?

    • Potete utilizzare la forma di pagamento che preferite con il cliente purchè sia da lui accettata; tenete presente che da un punto di vista giuridico l’obbligazione del cliente al pagamento avviene solo con l’emissione della fattura. Nutro nel vostro caso qualche dubbio sull’uso della proforma proprio in virtù delle modalità di pagamento. Per essere in regola dovreste poi essere in grado di emettere le fatture con data il giorno del pagamento.

  10. Come posso compilare la fattura proforma per della merce che mi parte per andare fuori europa, ma solo ed esclusivamente come sostituzione di pezzi in garanzia? Si tratta di beni non destinati alla vendia!
    che dicitura devo mettere per essere a posto?
    Grazie mille

    • La fattura pro-forma non è un documento fiscale quindi non risponde a regole previste dalla legge. Se fai una fattura proforma sei libero di compilarla come vuoi. Questo non toglie che dovrai poi fare un documento che giustifichi la tua spedizione di merce come ad esempio un DDT con causale “riparazione in garanzia” o altro di analogo.

      • se posso fare una domanda: c’è un’articolo del D.P.R. 633/1972 e socc. mod. ed integr. dove parla della fattura pro-forma e dice che non è un documento fiscale, quindi non risponde alle regole previste dalla legge.grazie

  11. Ho una richiesta di merce, che devo ancora acquistare e sarò in grado di consegnare tra 40 giorni , da un cliente che pagherà a 90 giorni ma vuole subito la fattura. Posso fare la Fattura Pro Forma con numero progressivo e specificare al momento della consegna della merce sul DDT merce fatturata in data…. con fattura n. Grazie

  12. Un’Agenzia di Spedizioni riceve da clienti EXTRAUE pagamenti anticipati per servizi di spedizione e fornitura di merce. Visto che per vari motivi resta molto complicato emettere la fattura di ANTICIPO/acconto, può essere la fattura PROFORMA – gia prevista – essere una valita alternativa anche dal punto di vista fiscale?

    • No, da punto di vista fiscale la fattura proforma non ha alcuna valenza. Quando si incassa del denaro la normativa prevede che deve essere fatturato in via definitiva o come acconto ma fatturato.

  13. A SEGUITO DI REGOLARE ORDINE DAL CLIENTE HO RICEVUTO UN ACCONTO DEL 10% E HO REGOLARMENTE FATTURATO SUCCESIVAMENTE IL MIO FORNITORE HA CONSEGNATO DIRETTAMENTE AL MIO CLIENTE LA MERCE PREVISTA COME SCONTO MERCE DEVO EMETTERE FATTURA ? SE SI COME LA CONFIGURO ? SUCCESSIVAMENTE IL MIO FORNITORE CONSEGNERà IL RESTO DELLA MERCE DA FATTURARE

  14. OTTIME RISPOSTE E CHIARE , COME FACCIO A PORRE UN QUESITO ? APPROFITTO DELLO SPAZIO :
    sono il titolare di una attività commerciale , il proprietario dell’immobile. una s.r.l. , da qualche mese ci fa pervenire una fattura pro forma in merito al canone di locazione , verbalmente abbiamo contestato dicendo che se non emette fattura regolare non paghiamo l’affitto.
    DOMANDA può una s.r.l. titolare d’immobile emettere fattura pro-forma e richiedere il pagamento della locazione ? prima i soldi e poi la fattura ?

  15. Buongiorno,
    Ho una società (snc) e visto che molti clienti faticano a pagare, volevo sapere se anche noi potevamo effettuare delle fatture pro forma, in modo da non dover anticipare l’iva. La ringrazio in anticipo per la risposta..
    Cristian Ghezzi

  16. Buongiorno, sono un’agente di commercio monomandatario, poiché da qualche mese la società per cui lavoro è in seria difficoltà sta dilazionando sempre più il pagamento delle fatture provvigioni. Ad oggi abbiamo superato i 120 gg. Per limitare i danni sia in termini reddituali che di pagamento iva posso emettere anche io proforma? Grazie, Enrica

      • Gentile Dott. io ho una S.r.l. che effettua servizi alle aziende private, ho seguito con molto interesse i diversi casi affrontati, e mi pare di aver capito che nel mio caso si può effettuare la fattura proforma. Però vorrei saperne qualcosa in più sui decreti che regolano tale manovra fiscale, in modo da poter essere impeccabili. Per esempio tra i tanti quesiti che mi pongo questo è il primo: ma per fare le fatture proforma c’è un limite al fatturato annuo al di la del quale non è più possibile usufruire delle fatture proforma?

        • La fattura proforma esula da qualunque regola fiscale in quanto NON è un documento fiscale: di fatto è equivalente ad una corrispondenza ‘privata’ fra le parti e non ha alcun valore giuridico. Di conseguenza non è regolata per legge e non ha limiti nè di fatturato nè di altro genere. Può essere usata in tutti i casi in cui non si sono ancora verificate le condizioni che obbligano l’impresa od il professionista ad emettere fattura.

  17. Buongiorno. La nostra azienda ha ricevuto un pagamento anticipato per l’acquisto di merce da parte di un cliente Extraue. Il cliente ha pagato con fattura proforma compresa l’Iva in quanto non vuole far dogana. Dobbiamo emettere la fattura con Iva immediatamente o possiamo fare la fattura accompagnatoria al momento della consegna della merce? Il tempo di consegna è breve.
    Grazie.

  18. Buongiorno,
    si puo’ emettere una fattura pro-forma per una spedizione extra ue, con i annesso invio contestuale di merce?
    In quali occasione la pro-forma viene o puo’ essere utilizzata? utilizzata? Grazie

    • No, non è procedura corretta. L’invio della merce deve essere accompagnata da DDT. Essendo extra UE è inoltre soggetta a verifica e procedura doganale per cui deve assolutamente essere accompagnata da documentazione ufficiale e fiscalmente valida: la fattura proforma non lo è.

  19. Buongiorno approfitto delle domande sulle fatture pro.forma extraUE. Quando si possono emettere? Perche’ in quali casi? Accompagnano la merce in vendita? Oppure accompagnano la merce in omaggio? Mille grazie

  20. Pongo una domanda: per errore si è registrato una fattura pro forma che aveva tutti gli elementi di una fattura effettiva con perfino, in calce, il timbro e firma di avvenuto pagamento. Questa fattura pro forma era di luglio, ad ottobre arriva la fattura vera e propria (che poi è identica tranne per la dicitura “pro forma”) e ci si è accorti dell’errore fatto a luglio. A parte l’iva che si è portati in detrazione su cui ci si può ravvedere, come si fa per “annullare”la pro forma, considerando che ormai ci sono i protocolli sulle fatture e annullare quella scombina la numerazione. Quale consiglio può darmi? Grazie

      • Buonasera.
        Domandone:
        una volta emessa la fattura pro-forma sono comunque obbligata a mantenere l’impegno di vendita merce?
        Grazie

        • L’impegno alla consegna è un aspetto contrattuale e non fiscale. Diciamo che in linea di massima tu non sei mai obbligata a consegnare la merce. Però più documenti di ‘promessa’ produci, ordine, conferma d’ordine, fattura proforma ecc… e più probabilità ci sono che, se crei un danno al tuo cliente con la mancata consegna, possa farti una causa per danni con buone ragioni.

  21. Salve, avrei una domanda da farle. Sono titolare di una ditta individuale, di cui è stata cessata la partita iva, conseguentemente alla chiusura dell’attività. Per errore è stata emessa una fattura di vendita attrezzature (usate) dopo che la partita iva è stata cessata (circa 15 giorni dopo la cessazione)
    Si è pensato di correggere la data, anteponendola alla cessazione e di comunicarlo all’acquirente, ma questo non è stato possibile perchè lo stesso acquirente ha aperto partita iva in data successiva alla chiusura.. Pensavo a questa soluzione: possibile fare anche una fattura pro forma (e lasciare quella esistente invariata) con una data a me utile, naturalmente spiegando l’accaduto all’acquirente, in modo da dimostrare (se ci fossero in futuro eventuali controlli) che l’operazione è legittima? ovviamente pagherò iva e tasse sull’importo fatturato. Il mio commercialista dice che registrerà la fattura così com’è e se e quando ci saranno controlli, non avrò problemi perchè avrò pagato quanto mi spetta di imposte, quindi non ci sarà stata evasione fiscale. Ma io sono perplessa. Ecco perchè chiedo gentilmente di avere ulteriori informazioni a riguardo.
    Grazie tante in anticipo, spero di essermi spiegata bene.
    Sara

    • Non sono sicuro sia la cosa giusta da fare. Penso sarebbe meglio fare un’autofattura per la cessione delle attrezzature residue all’imprenditore che poi a livello personale (nella data giusta) le cederà all’azienda con cui avete fatto l’accordo.
      L’autofattura sarà alla data della cessazione mentre la cessione da privato sarà alla data che preferite. Ovviamente la fattura fatta con data errata andrà eliminata.

  22. Mi è stata data una proposta di parcella da un architetto da pagare, ma mi chiedo la parcella mi viene lasciata dopo il pagamento o devo richiederla prima?
    Grazie anticipatamente cordialmente,
    Maria

  23. Ho spedito un pacco in America tramite le poste, senza allegare fattura, mi è tornato indietro con la dicitura manca la Fattura.
    Domanda per rispedirlo occorre allegare la fattura Pro forma o la fattura reale, visto che la merce è stata pagata in anticipo.
    Grazie e cordiali saluti
    rocco

  24. Vorrei sapere se una fattura proforma emessa per il pagamento anticipato e poi la fattura reale (quando è arrivato il pagamento dopo alcuni giorni) devono avere lo stesso numero….siccome il numero non coincide (la proforma è 13 del 18 dic e la fattura n. 17 del 24 dic) da ditta che l’ha ricevuta ha detto che devono avere lo stesso numero….a me sembra strano questo, sono 2 documenti diversi e la proforma non è nemmeno documento fiscale.
    Grazie per i chiarimenti che vorrà darmi…

  25. Siamo una S.r.l. e a volte veniamo pagati dal cliente con bonifico anticipato a fronte di una nostra fattura pro forma.
    Una volta ricevuto il pagamento (magari anche dopo un paio di giorni dall’accredito) emettiamo il ddt per consegnare la merce e con la stessa data anche la fattura che poi inviamo al cliente. E’ sanzionabile il fatto che si attenda anche solo un paio di giorni ad emettere la fattura definitiva? Esiste un termine massimo?
    Inoltre è vero che in questo caso è sbagliato emettere il ddt in quanto è obbligatorio utilizzare esclusivamente la fattura come documento accompagnatorio della merce?
    Grazie mille per il supporto e cordiali saluti
    Roberto

    • Potete emettere tranquillamente DDT e poi fattura. In linea di principio, per essere proprio perfettini, andrebbe emessa una fattura di acconto con data accredito e poi fattura finale (0 da pagare con storno acconto) in data uguale o successiva al DDT. Anche se trattandosi di un paio di giorni dubito che vi facciano problemi in quanto nessuno vi obbliga a controllare il CC tutti i giorni.

  26. La Fattura Proforma emessa ai fini della riscossione anticipata rispetto alla consegna dei beni (o apertura di lettere di credito) per la spedizione all’estero, è diversa e soprattutto, deve avere una diversa numerazione rispetto alla fattura commerciale emessa per accompagnare merce senza valore all’estero? E quest’ultima è una vera e propria fattura che deve avere valore fiscale ed andare sul registro iva vendite?
    Grazie per il chiarimento che vorrà fornirmi.

    • La Fattura Proforma può avere una sua numerazione (ma può anche non averla) che DEVE essere separata dalla numerazione dei documenti fiscalmente rilevati (la Proforma non lo è).Una fattura di materiale senza valore, se emessa, deve essere regolarmente registrata. Diversamente si emette un DDT di consegna con apposita causale senza poi far seguire fattura.

  27. È’ possibile emettere proforma per prestazioni di servizi quali le riparazioni meccaniche di autovetture, in modo da emettere il documento fiscale e pagare relativa IVA solo DOPO aver incassato? Grazie, chiara

    • Sì, non vedo motivi per non poterlo fare, se non si consegna la vettura. Se invece la si consegna riparata, ci vedo qualche problemino in quanto la legge prevede l’obbligo della fatturazione o quando si riceve il corrispettivo (pagamento) o quando si completa il servizio.

  28. sono un rivenditore di auto chiedo :la fattura per una vendita dell’auto devo emetterla ,alla firma del trasferimento di proprietà o alla consegna con l’avvenuto pagamento .
    se alla consegna mi versa un acconto (che emetto fattura) il saldo posso fatturarlo il giorno che effettivamente versa .
    Grazie
    08-03-2013

    • La legge sull’iva dice che la fattura va emessa al verificarsi del primo dei due eventi tra il completamento della prestazione e l’incasso. Secondo me il trasferimento di proprietà non completa l’operazione che avviene solo con la consegna. Quindi a mio avviso la fattura va emessa alla consegna della vettura.

  29. buona sera, sono un agente di commercio è da ormai luglio 2012 che devo prendere le provvigioni. stò procedendo legalmente ma il mio avvocato per poter presentare un ingiunzione di pagamento ha bisogno delle fatture . posso emettere delle fatture pro-forma ?

  30. ho una srl (informatica), il mio cliente vuole fare un leasing con la sua banca per l’acquisto di pc, ma la leasing vuole pagarmi a 45 giorni data fattura; o farmi emettere una fattura proforma prima della consegna del materiale (premetto che il materiale non è in magazzino) per velocizzare il pagamento; il mio commercialista dice che non posso emettere nessun tipo di fattura proforma. è vero? che soluzione posso avere?

    • Beh la proforma può essere emessa purchè ci sia chiaramente scritto che non è un documento IVA. Magari per chiarezza non ci metti nemmeno il riepilogo IVA così non ci sono dubbi. Non trattandosi di un documento fiscale puoi emettere qualsiasi ‘pezzo di carta’ di appoggio a tuo piacimento e nessuno può impedirtelo o contestartelo. Ovviamente se questo va bene al leasing, ma credo proprio di sì.

  31. una ditta individuale può mandare al cliente finale una fattura proforma ( promemoria della vendita per effettuare il pagamento) ed al momento della spedizione fare regolare fattura ?
    Avevo una srl e lo facevo regolarmente ma come ditta individuale mi dicono che non posso farlo.

    Grazie per l’aiuto

    • Sì, si può fare senza problemi. Per evitare di incorrere nella presunzione di vendita sarebbe utile non mettere nel documento proforma il riepilogo iva ma solo il totale documento in modo da differenziarlo sostanzialmente da una fattura.

  32. Buonasera.

    L’architetto a cui avevo dato mandato nel febbraio 2010 mi ha inviato, senza motivazione, due notule a saldo nel giro di 13 giorni con importo che è passato da 6.120euro a 7.503,77euro, senza nessuna riserva preventiva né spiegazione né lavoro effettuato in più.
    Da un onorario a discrezione l’architetto ha poi applicato un onorario a vacazione.
    E’ corretto un simile comportamento? Un architetto può inviare quante parcelle pro forma vuole, senza dare motivazioni, solo perché da cliente avevo chiesto alcune spiegazioni sulle diciture generiche (“colloqui…”; “colloqui…”) indicate nella prima? Come può essere valida la seconda notula a saldo, se la prima non è mai stata annullata né sono mai state date giustificazioni dei cambiamenti effettuati? Esistono regole o norme che diano indicazioni in merito?

    Grazie in anticipo per l’attenzione.

    • E’ più settore legale/contrattuale e non è propriamente il mio campo. Per i professionisti (come l’architetto) può fare riferimento al loro albo professionale ed alle sue regole deontologiche.

  33. ho fatto un preventivo a un cliente per un lavoro in cucina e gli ho chiesto 20% acconto lui mi dice di farli una fattura pro forma volevo sapere come va fatto e la fattura totale quando la posso fare. grazie

    • In questo caso, visto che ha incassato un acconto, va fatta una fattura di acconto (non proforma). La fattura poi va fatta per l’intero importo dei lavori alla fine della prestazione e va dedotto l’acconto già pagato.

  34. Sono un privato e ho venduto un obiettivo fotografico da spedire negli usa: per poter effettuare la spedizione il vettore mi chiede di emettere fattura o fattura pro-forma con l’oggetto della vendita e il prezzo. Posso emettere la proforma? Se s, dopo sono lo stesso obbligato ad emettere qualcosa? e se si che cosa dato che non ho partita IVA e trattasi di fatto occasionale?

    • Come privato non puoi emettere nessuna fattura. Direi che può bastare una ‘ricevuta’ in carta semplice con i tuoi dati (con codice fiscale), i dati del compratore e descrizione e prezzo dell’oggetto venduto.

        • Ma lei non la può fare quindi il vettore dovrà accettare un documento che lei possa emettere. Non può pretendere ciò che non può avere, non si cava sangue dalle rape. Gli espliciti che lei è un provato e che non può fare alcuno dei documenti richiesti.

  35. un condominio ha effettuato bonifico su cui la banca ha fatto un prelievo di € 163,64. IL contratto di appalto prevede 4.500,00 oltre iva 10%– 4.950,00(bonifico). In fattura cosa andrò a mettere oltre imponibile 4.500,00 +450,00 (IVA) ritenuta di acconto 4% su 4.500,00=180,00 che pagherà al fisco il condominio.Ma la somma di €163,64 prelevata dalla banca sul conto della mia impresa chi se la deve accollare? Mi aiuti a fare la fattura corretta? GRAZIE!!!!

    • La fattura non cambia se la spesa bancaria se la accolla lei, semplicemente la registrerà tra le commissioni bancarie. Se invece deve rivalersi sul condominio, dovrà emettere una fattura per esente per l’importo che si è trattenuta la banca. Questo però attiene agli accordi tra di voi.

  36. Buonasera,per mandare materiale in extra ue per riparazione in garanzia o per merce da utilizzare solo per fare delle installazioni e che quindi tornerà indietro,la dogana chiede fattura..ovviamente dovró indicare il valore di ogni singolo bene per il calcolo dei dazi ,ma poi il totale dellla fattura riportato alla fine non mi verrà mai pagata dal cliente …come posso chiudere il credito in contabilità?in certi paesi extra ue nn basta mandare la proforma, che invece risolverebbe il problema. Grazie mille

  37. Buongiorno.
    Io ho un’azienda SRL artigiana e mi occupo di servizi e controlli qualità nelle aziende esterne, ma regolarmente vengo pagata con enormi ritardi, a volte anche di 6 mesi dalla scadenza degli accordi. Vorrei non dover anticipare l’IVA ogni volta che mi reco da questo cliente,posso emettere la fattura proforma al termine del servizio/mese e poi emettere la fattura ivata al ricevimento del compenso?

  38. è possibile per un centro revisioni autoveicoli che ha come clienti concessionarie di auto usate emettere ricevuta fiscale corrispettivo non pagato alla riconsegna del veicolo, a fine mese fattura riepilogativa proforma per richiedere il pagamento ed infine regolare fattura all’incasso del corrispettivo dovuto ?
    e per un’officina meccanica che effettua riparazioni (non solo manodopera) ?

  39. Siamo una Srl che produce e vende merce; per evitare insoluti o crediti in sofferenze da parte dei ns. clienti emettiamo Fattura Proforma all’ordine con pagamento mediante bonifico a vista proforma.
    Il dubbio nasce nel seguente esempio: ordine cliente 1000pz, lancio di produzione 1020pz, proforma 1020pz, bonifico pari al valore di 1020pz, dopo una settimana vengono spediti a saldo solo 1015pz a causa di 5pz non consegnati per non conformità, emessa fattura accompagnatoria per 1015pz. In questo caso il cliente ha pagato in più il controvalore di 5pz e rimane a credito. A questo punto emettiamo bonifico a favore del cliente per il valore di 5pz. Risulta regolare l’emissione di fattura accompagnatoria di 1015pz e semplice emissione di bonifico per 5 a saldo partita contabile o necessitano altri documenti da emettere?
    Grazie mille per i chiarimenti e per la professionalità mostrata nelle risposte date a quesiti altrui.
    Fabrizio

    • Perchè il giro sia contabilmente ‘perfetto’ meglio emettere Fattura di acconto per l’importo incassato, fattura della merce realmente consegnata, NC della differenza e relativo BB a saldo della NC. E’ un po’ complesso ma così è ineccepibile.

  40. Produco su commesa un certo numero di beni, contratto tra società private.
    Consegna a richiesta, saldo comunque entro il termine pattuito, supponiamo 1 anno. Per procurarmi liquidità, senza essere penalizzato dal versasmento iVa, vorrei così procedere:
    – fattura pro-forma di tutta la commessa, valore ca. € 1.200.000 + IVA.
    – emissione di 12 RiBa scadenza mensile, ciascuna per 1/12 del valore
    – sconto (per quanto possibile) le RiBa in Banca
    – contestualmente alla scadenza(pagamento, emetto la fattura per la merce effettivamente spedita ed in pagamento.
    – procedo al conguaglio con N.A. o N.D.

    E’ corretta la procedura?

    • Corretta se le aziende committenti non hanno problemi a pagare RiBa su fattura proforma e se la sua banca è disposta ad accettarle. Ad ogni incasso va fatta fattura di acconto e poi fattura finale di conguaglio a sconto degli acconti (anche a 0 se gli acconti sono capienti).

  41. Salve. Ho cercato di capire cos’è la fattura pro forma leggendo le sue spiegazioni ed esempi. Se ho capito bene la fattura “vera” non avrà la stessa data della pro forma, esatto?
    Grazie
    Lino

  42. 20/01/2014
    Salve; è lecito che l’amministratore di condomino ha emesso fattura proforma nel 2012 ,registrata nel libro delle assemble condominiale,
    seconda domanda; la prina volta gli è stato dato
    l’incarico il 29 dicembre, dopo 4 anni gli è stato revocato l’incarico a fine ottobre, è giusto che a emesso fattura per il mese di settembre /ottobre, la chiusura della gestione è fine agosto, ripeto quando gli è stato dato l’incarico era 27 dicembre,nei documenti consegnati manca la sua fattura gestione 2010/2011 , è punbile per la sua fattura proforma e per la sua fattura non cosegnata al nuovo amministratore
    La ringrazio anticipatamente per una celera risposta

    • Non ho capito nulla in merito alle date, mi pare tutto molto confuso, ci vorrebbero le date esatte complete di mese e anno. Per quanto riguarda la fattura proforma invece, un professionista può emetterla in attesa del pagamento. Se il pagamento è avvenuto l’amministratore deve emettere fattura diversamente non è tenuto a farlo. Se ha consegnato la fattura proforma registrata in assemblea non deve fare altro, il nuovo amministratore la troverà tra le carte del condominio.

  43. Buongiorno, io volevo sapere se sono state emesse delle pro forme nel 2010 e non sono state pagate che valore hanno. Dopo quanto tempo il professionista é tenuto emettere fattura ?

  44. Salve, grazie per l’articolo innanzitutto. Sono consulente informatico con partita iva, regime dei superminimi. Per farmi pagare ho sempre emesso fattura proforma, affinché il cliente potesse controllare la forma della fattura effettiva. Poi al momento del pagamento ho emesso sempre la fattura effettiva. Oggi un mio cliente mi segnala che non posso io emettere fattura proforma (riservate a suo parere solo ad avvocati, medici, etc). Oggi chiamerò sicuramente la mia commercialista ma nel frattempo sarei curioso di sentire anche la sua opinione e di condividere questo dubbio con gli altri utenti (ho notato infatti che non vi sono commenti provenienti da altri superminimi). Grazie della cortese attenzione.

      • Gentile Stefano, grazie mille della risposta. Convengo anche io (dopo aver sentito la mia commercialista) che in quanto consulente possa emettere la proforma e al pagamento la fattura effettiva. Stavo però pensando al caso, ad esempio, del gommista. In quel caso lui non può emettere proforma, ma è costretto a fatturare appena le ruote nuove escono dal suo magazzino. Anche se poi sarà pagato dopo un anno (o peggio, mai). Sbaglio?

  45. Salve, sono il titolare di un’azienda di manutenzioni ascensori, in merito alla fattura Pro-forma o come li chiamo io “Avviso di pagamento”, vorrei sapere se potrei emettere questo tipo di documento per tutte le prestazioni di manutenzione e se non mi pagano alla scadenza dell’anno cosa succede, devo trasformarle necessariamente in fatture ?
    Il problema si pone perché ogni anno mi trovo a pagare IVA e reddito su almeno un 30% di fatture non incassate, alcune anche scadute da due anni, che fare in questi altri casi molto lunghi ? grazie.

    • Attenzione all’uso della fattura proforma per manutenzioni già effettuate. La legge prevede che al termine della prestazione debba essere emessa fattura… Quindi o tu hai validi motivi per sostenere che la prestazione non è finita (ancora in corso) oppure la fattura la devi emettere. Per i mancati pagamenti, almeno per la parte iva, ti invito a valutare di gestire l’iva per cassa, cioè versi l’iva solo dopo che l’hai incassata dai clienti.

  46. Gentilissimo GARDINI,
    in qualità di hobbista, stò realizzando un mosaico, che dovrei spedire in America Latrina. Non avendo partita IVA, gradirei conoscere le modalità per la spedizione (quali documenti dovrei allegare?), senza incorrere in alcun problema alla dogana.
    Ringrazio delle delucidazioni che vorrà fornirmi.
    Yazmin

    • Ti consiglio di rivolgerti ad un corriere/esportatore che si occuperà di tutte le pratiche nel migliore dei modi, al fine di evitare errori, poichè ci sono alcuni adempimenti non del tutto banali da svolgere per chi non lo fa abitualmente.

  47. Salve Gardini, grazie per le informazioni riguardo le fatture proforma che da quasi tre anni sta dando. Non ho trovato altro in rete di così duraturo e chiaro!

    A Febbraio un ragazzo scrisse di essere consulente con p.iva a regime dei superminimi. Rifaccio una domanda simile: ho ditta individuale come fotografo e videomaker, con p.iva a regime fiscale di vantaggio (art. 27 D.L. n. 98/2011). Come “imposto” dal mio commercialista, preparo le fatture proforma, al momento del pagamento emetto fattura vera e propria.

    In alcuni (molti) casi, il cliente esige subito la fattura. Con la tipologia di p.iva e il lavoro che svolgo (di fatto, io al cliente invio del materiale, file o dvd) valgono le stesse regole? La normativa che regola questo aspetto è sempre quella da Lei indicata “art. 6 del D.P.R. 633 del 26/10/1972″? Sono nel giusto? Posso “impugnare” la mia ragione?

    Grazie per eventuali chiarimenti,
    Andrea

    • Come professionista puoi fare la fattura proforma per un servizio. Se consegni merce invece la fattura va fatta contestualmente, oppure fai DDT con fatturazione a fine mese. Se il materiale che consegni (CD DVD ecc) è solo un supporto al tuo lavoro di consulenza e non ha un valore intrinseco puoi fare solo la proforma. Dipende da cosa c’è scritto in fattura. Ti faccio un esempio:
      DVD con vs foto elaborate = fattura per merce (non puoi fare proforma)
      Servizio di elaborazione vs foto consegnate su DVD = fattura di servizio (puoi fare proforma)

      Spero di aver chiarito il concetto.

  48. Ho pagato la fattura pro forma emessa dalla ditta fornitrice ma non mi inviano la merce che avevo ordinato in quanto ancora non in loro possesso,.
    Posso fargli causa!?

    • Beh dipende dagli accordi contrattuali. Se era fattura proforma a merce pronta sì, se invece era un acconto sulla fornitura no, finchè non sono scaduti i termini massimi per la consegna, da rilevare sempre dagli accordi contrattuali; di solito quando si fa un ordine si approvano le norme per la fornitura, in cui ci sono le regole che l’azienda deve rispettare.

  49. Salve, ho emesso fattura proforma di materiale che mi ha commissionato un cliente per farmi effettuare il bonifico bancario, poi al momento che ricevo il bonifico in banca vado a ordinare il materiale e poi spedirò entro 2/3 settimane nel frattempo devo emettere fattura di acconto oppure no.

  50. Salve
    Quesito 1
    Nell’azienda dove lavoro spedisco spesso ai clienti
    EXTRA UE ricambi in garanzia ed emetto ddt in sostituzione in garanzia con Fattura proforma.
    Se la Fattura Proforma non è un documento fiscale devo indicare il codice di fuori campo IVA?
    Grazie per la rispota

  51. Spero di non andare fuori tema nel qual caso mi scuso in anticipo. Un artigiano in regime dei minimi ha concluso dei lavori di ristrutturazione ma mi chiede di posticipare la fatturazione al prossimo anno. Posso in qualche modo esigere che la fatturazione avvengo entro il 2014 ? Rischio di perdere delle detrazioni fiscali. Grazie

  52. Buongiorno,
    esportando (fuori UE) con una proforma, visto che si tratta di un evento fieristico, posso volendo poi vendere la merce coperta da proforma emettendo una regolare fattura di vendita in art.7 magari anche a scarico parziale?
    Grazie infinite per la risposta.

  53. Buongiorno.
    ho emesso(contestualmente alla consegna, documentata, del lavoro richiestomi), il 5-9-14, proforma per importo di 9800 verso una p.a. (un comune), da pagare a 60 gg.;
    Ho capito (e verificato) che il comune in questione non ha alcuna intenzione di saldare quanto a me dovuto, e quindi devo adire a vie legali.
    Per farlo devo NECESSARIAMENTE emettere fattura ‘normale’ (citando la proforma di 9800) , o posso, nella denuncia, citare diretttamente il lavoro, la consegna dello stesso e allegare la fattura proforma emessa ?
    grazie.
    Mauro

    • Si tratta di una questione legale quindi non di mi stretta competenza. Posso però dirti che la fattura proforma non ha valore legale trattandosi solo di un documento privato tra le parti, un documento di cortesia chiamiamolo così. Inoltre di norma il Tribunale chiede di autenticare la fattura ed anche la pagina del libro giornale dove è registrata, per cui credo proprio dovrai fare fattura. Comunque verifica quanto ti ho detto con un avvocato.

  54. agenzia distribuzione materiale pubblicitario pagamenti a 90 e 120 gg, possiamo emettere fattura proforma? all’incasso c’e’ un termine per emettere fattura? ha valore legale nel caso non vogliano pagare? va fatta firmare la proforma dall’acquirente?

    • Sì potete emettere proforma, salvo vogliate fare delle RiBa; di solito la banca pretende una fattura. Inoltre attenzione perchè se la prestazione è conclusa e non siete professionisti è necessario emettere fattura fiscale e non proforma. All’incasso il termine per l’emissione della fattura fiscale è la data di incasso, non oltre. La fattura proforma non ha alcun valore legale, nemmeno se firmata. Carta straccia. Vale tanto quanto il contratto di fornitura già concluso col cliente.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>